Seguici su: FacebookTwitter

Governo_al_capolineaIl Governo Berlusconi che aveva vinto le elezioni due anni fa e godeva di una maggioranza molto consistente in Parlamento, sta naufragando sotto il peso degli scandali, delle leggi ad personam, dell'incapacità di far fronte alla crisi economica con senso di giustizia e solidarietà.
Il " Partito dell'amore" si è disintegrato
perché in esso non può trovare spazio alcun tipo di dissenso nei confronti di Berlusconi. Lo sanno bene Follini, Casini ed ora se ne è accorto anche Fini, diviso da Berlusconi da un conflitto politico e culturale che riguarda la concezione stessa della democrazia, non solo all'interno dei partiti, ma come valore fondante del nostro ordinamento costituzionale.

Questo il testo della richiesta inviata dal nostro gruppo:
Oggetto: Richiesta convocazione straordinaria Consiglio di Circoscrizione 1 (ai sensi dell’art. 15 del Regolamento del Decentramento), in prima e seconda convocazione

La newsletter della circoscrizione 5 - N.47 - 7 Settembre 2010

Riunione del consiglio della circoscrizione 5Newsletter_circoscrizione_5

L'argomento principale all'Odg era il voto sulla Variante al PGT. La maggioranza ha presentato il documento della commissione urbanistica, frutto di un intenso lavoro che ha richiesto ben quattro sedute ed un notevole lavoro di sintesi da parte della coordinatrice Sonia Multari.
L'opposizione (PD e CP) ha a sua volta presentato un suo documento (Allegato), come aveva prennunciato a conclusione dell'ultima riunione della commissione, poiché pur riconoscendo che il documento della commissione accoglieva gran parte delle sue critiche alla Variante, non poteva accettare che esso fosse privo di un'esplicita dichiarazione di voto contrario alla Variante stessa.

Iniziando il quarto anno di attività consiliare in Circoscrizione 1, abbiamo pensato di fare un po’ il punto di questi tre anni di opposizione. Potremmo sintetizzare in tre parole il nostri impegno svolto con spirito di servizio: PROPOSITIVITA’, CONCRETEZZA, VIGILANZA.

Innanzitutto la PROPOSITIVITA’: sono oltre 80 le proposte che abbiamo presentato come Gruppo Consiliare Partito Democratico (insieme a Città Persone) in questi 3 anni, nei modi previsti dai Regolamenti. Eccone alcune:

Le notizie che trovate in questo articolo difficilmente troveranno spazio sulla stampa o alla televisione. Ci giungono via internet (la "Radio Londra" di questo inizio secolo) dando speranza a tutti coloro che hanno a cuore la difesa dell'acqua pubblica.
Noi siamo tra questi.

FontanaNonostante il silenzio dei giornali e della televisione, continuano nella nostra provincia le iniziative del comitato "acquabenecomune" promotore del referendum contro la privatizzazione dell'acqua composto da partiti, movimenti, liste civiche e associazioni. Terminata la raccolta firme, andata oltre ogni aspettativa, l'attività del comitato si è ora concentrata sulla circolazione delle informazioni e sul monitoraggio delle amministrazioni comunali e provinciali relativamente alla vicenda della privatizzazione dell'acqua.

Pubblichiamo la lettera di Corrado Guarnaccia indirizzata al Sindaco di Monza, Marco Mariani

Gentile Sindaco,
Le scrivo sperando che la mia lettera venga presa in considerazione e l’amministrazione possa agire per risolvere il problema che adesso provo a descriverLe.

Quote_LatteLa lega lombarda ha imposto al governo (Temonti consenziente) un ulteriore slittamento del pagamento delle multe che l’unione europea ha imposto a tutti quegli allevatori che non hanno pagato le infrazioni per un eccesso di produzione rispetto alle quote latte a noi assegnate dagli accordi europei.

Dopo una richiesta di revisione di tali quote portata avanti dal governo Prodi, si è arrivati, con il governo Berlusconi, ad un allargamento delle quote a favore dei produttori italiani del 6%. In quella occasione l’allora ministro Zaia (oggi Governatore leghista del veneto) si dichiarava soddisfatto e sosteneva che le multe pregresse andavano pagate da chi non l’aveva fatto.

Oggi, sentendo puzza di elezioni anticipate, la lega si rimangia quelle affermazioni contenute anche in un decreto del governo Berlusconi del 2009 e propone un ulteriore slittamento che, di fatto, scarica le multe dagli allevatori inadempienti allo stato.

Consiglio alla 1 del 26 luglio: il piatto forte è stata la Variante al PGT. 

Inizialmente sembrava che anche la Lega fosse intenzionata a bocciare la Variante (come fatto alla 2). Infatti i leghisti hanno presentato un documento molto critico sulla Variante (più duro del nostro) ma poi si sono appiattiti alle logiche lottizzatorie e, insieme al PdL (fin da subito favorevole, con il coordinatore all'Urbanistica che in commissione è arrivato perfino a dire che per lui vanno bene anche palazzi di 25 piani e che la variante è fin troppo restrittiva!), hanno espresso parere favorevole alla Variante.

Seppur definita Variante, siamo di fronte ad un vero e proprio nuovo PGT, rifatto di sana pianta, dopo che – soli due anni fa circa – il PGT era già stato adottato e votato all’unanimità dall’attuale Consiglio Comunale. Un PGT, quello della Giunta Faglia, che aveva ricevuto molti consensi ed era stato premiato a livello Europeo come uno dei migliori piani urbanistici.

Adesso scopriamo che era tutto una finta. La maggioranza pdl-leghista ha fatto uno scherzo alla città, ha fatto perdere tempo e denaro. Una Variante sarebbe stata legittima, visto il cambio di Amministrazione, ma non uno stravolgimento totale su ben 36 Ambiti di “Trasformazione Urbana”.

Vienici a seguire Lunedì 26 Luglio presso la sede della Circoscrizione 1, in Via Lecco 12.  

Ecco l'ordine del giorno:

Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?