Seguici su: FacebookTwitter

Il 13 Aprile 2010 si è riunito il coordinamento del circolo 6 del PD di Monza per discutere sui risultati elettorali delle regionali 2010.

Analizzati i dati elettorali si è convenuto che essi sono al di sotto delle nostre aspettative anche se a falsare l'analisi contribuisce enormemente il dato del forte ulteriore astensionismo che ha fatto si che il centrodestra, Lega compresa, abbia avuto un numero notevolmente più basso di consensi rispetto alle europee dell'anno scorso.

Così come il nostro partito, pur avendo perso le elezioni, ha tenuto maggiormente rispetto alle elezioni europee. Per superare la fase dell'amarezza per un risultato che si pensava potesse essere migliore, tutti hanno convenuto sul fatto che la nostra iniziativa sui temi nazionali e specifici di territorio debba continuare anche oltre la campagna elettorale in modo costante.

VotaPDPerché questa iniziativa sia incisiva è necessario che tutti i livelli del partito svolgano il proprio ruolo e sviluppino un rapporto di scambio di idee che è sempre più necessario.

Lo sforzo di tutti in questo momento deve essere rivolto ai valori che noi proponiamo, alle prospettive che vogliamo dare al popolo italiano e alle politiche specifiche che vogliamo perseguire. Sbagliato sarebbe che in questa fase si aprisse un confronto sull'assetto organizzativo del partito o che il dibattito si concentrasse sulle responsabilità personali di questo o quel dirigente.

Peggio ancora se si cominciasse a discutere di partito del nord, come se già oggi non fosse possibile elaborare proposte che tengano conto delle specificità territoriali. Quello di cui abbiamo bisogno è un ritorno alla politica e ai suoi contenuti,a partire dalle questioni economiche e del lavoro, evitando che la fase che si è aperta di dibattito sulle riforme istituzionali sia l'ennesima manovra diversiva per non risolvere i problemi del paese e in ultima analisi per non affrontare nemmeno i suoi futuri assetti istituzionali.

Su queste cose è necessario una posizione univoca e ferma che sia riferimento per i cittadini.C'è qualcosa che non funziona nel modo con cui comunichiamo alla gente le nostre idee e posizioni politiche.

La gente vuole sapere come sui singoli argomenti la pensa il PD, non vuole avere tante dichiarazioni spesso contrastanti di dirigenti politici del PD. Bisogna quindi che la posizione base del PD sui singoli argomenti sia definita negli organismi dirigenti e che chiunque venga intervistato la riprenda a slogan che ,ripetuti entrano nella coscienza della gente, aggiungendo quegli aggiornamenti che sono di volta in volta necessari.

In questo senso anche i pezzi di propaganda devono avere la capacità di tradurre in idee guida semplici i concetti necessariamente più complessi della politica,per evitare di avere pezzi di propaganda come quelli che ci sono stati proposti nella recente campagna elettorale che certo non ci hanno dato una mano.

Anche per quanto riguarda il rapporto tra i circoli e le strutture più vicine del Partito (cittadino, provinciale, regionale) essi devono essere imperniati sulle proposte politiche convinti come siamo che i circoli devono avere un ruolo importante nella definizione delle politiche complessive e specifiche del Partito .

In questa tornata elettorale come Brianza abbiamo eletto due consiglieri regionali. Questo dato positivo crediamo ci possa aiutare nel nostro lavoro. Ci complimentiamo con i due eletti e siamo certi che sapanno tenere un ottimo rapporto con i cittadini e il Partito del territorio che li ha eletti. Possiamo recuperare in tutte le direzioni e in modo particolare nell'area dell'astensionismo solo se saremo capaci di fare tutto questo e se sapremo in questo modo dare speranza ai cittadini italiani e monzesi oggi oppressi dalle paure e dal tentativo di omologazione al potere.

Risultati elezioni regionali 2010 (Comune di Monza)

Risultati elezioni regionali 2010 (Regione Lombardia)

 

Il Coordinamento del Circolo 6 del PD di Monza

 

Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?