Seguici su: Facebook  Instagram  YouTube

PdScaduto il termine per la presentazione delle 1.500 firme necessarie per rendere ufficiale la candidatura al congresso del Partito Democratico. Il termine era il 12 dicembre alle ore 18 e nello stesso pomeriggio, in ordine sparso, i 6 candidati che si contenderanno la leadership del Pd sono arrivati al Nazareno per consegnare le firme e i moduli necessari.

Il primo è stato Francesco Boccia, poi è stato il turno di Maria Saladino, seguita da Nicola Zingaretti, Maurizio Martina e, infine, Dario Corallo e Roberto Giachetti. Non sono mancate le polemiche – lo riporta il sito Democratica – sollevate soprattutto da Boccia sulle modalità di raccolta delle firme da parte del deputato romano, che ha annunciato solo ieri la sua candidatura: “Io sono andato a raccogliere le firme fisicamente in ogni angolo d’Italia. Giachetti e la Ascani hanno dato una mail, non è regolare, non esiste una raccolta di firme via mail”. Zingaretti e Martina si sono tenuti a distanza dalle polemiche. “Dobbiamo cambiare tutto – ha detto il primo – non prendiamoci in giro, è importante costruire una nuova fiducia degli italiani nei confronti di questo partito e soprattutto aprire una nuova fase di rapporto con la società italiana. Io ce la metterò tutta, mi prenderò cura di questo partito con coraggio”.

Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?