Seguici su: FacebookTwitter

RiciclareNella seduta Consiglio Comunale del 14 Aprile il tema all’ordine del giorno è stato quello di Rifiuti , in particolare verrà discusso e approvato il Piano biennale per La Prevenzione e la Riduzione di rifiuti sul Territorio del Comune di Monza.

Il Piano rappresenta una tappa importante in quanto finalmente s’inizia ad affrontare il problema dei Rifiuti non solo dal punto di vista dello smaltimento, ma soprattutto nell’ottica delle buone pratiche per arrivare ad una progressiva riduzione della produzione dei rifiuti stessi.

L’avvio di un processo virtuoso che possa portare alla riduzione dei rifiuti prodotti, ha due effetti positivi per tutti i cittadini: difesa dell’ambiente e minore inquinamento e progressiva riduzione del costo dello smaltimento dei rifiuti.

Il piano Biennale prevede 7 azioni , alcune già avviata altre ancora da pianificare, che saranno eventualmente integrabili successivamente con ulteriori azioni

In sintesi le azioni proposte sono:

1. Acquisti verdi: avviare una prassi nel Comune affinche il processo preveda che ogni nuovo acquisto soddisfi il più possibile i seguenti obiettivi:

- riduzione dell’uso di risorse naturali ; sostituzione dell’uso di fonti energetiche non rinnovabili con fonti rinnovabili; riduzione della formazione dei rifiuti; riduzione dei rischi ambientali.

2. Realizzazione di una piattaforma per il riuso dei beni e successiva vendita degli oggetti riparati.

3. Azioni di educazione ambientale nelle scuole a tema sulla riduzione dei rifiuti

4. Campagna contro lo spreco alimentare e il ritiro dell’invenduto

5. Minimizzazione rifiuti cartacei e d’imballaggio con attenzione alla digitalizzazione dei documenti e alla vendita di prodotti alla spina

6. Incentivazione all’utilizzo dell’acqua del rubinetto

7. Incentivazione all’uso di pannolini per bambini riutilizzabili

Ci sono stati molti interventi interessanti tra i quali quello del Consigliere del Pd Franco Monteri (vedi allegato) che ha centrato la sua riflessione in particolare riguardo a:

  • una emergenza legate alle difficoltà di smaltimento e dove le maggiori criticità riguardano; aspetti ambientali (inquinamento), economici (costi per lo smaltimento dei rifiuti) e quelle legate alle risorse (consumo di materie prime esauribili ed energia).

  • La positività del Piano presentato dall’Amministrazione perché attraverso questo piano si intende mettere in atto una serie di azioni e strumenti, per la prevenzione e la riduzione dei rifiuti urbani, in collaborazione con tutti i soggetti sociali (associazioni di categoria, ambientalisti, Gas, ecc) che vorranno rendersi protagonisti, anche attraverso singole azioni.

  • una politica di gestione dei rifiuti orientata alla riduzione, recupero, riciclo.

  • Capitolo questo che ci rimanda ad altra azione fondamentale e non più differibile e che si traduce nell'introduzione dello strumento della tariffazione puntuale ovvero si paga in base al rifiuto prodotto; chi produce meno rifiuti, meno paga; chi più ricicla, meno paga. in questo modo si consente ai cittadini di fruire del risultato delle scelte più consapevoli e virtuose adottate.

  • L’obiettivo di questo piano presuppone la creazione di un clima collaborativo con i cittadini, tramite strumenti di informazione e progetti e questo sopratutto attraverso campagne di comunicazione ed informazione, che devono essere chiare, precise e trasparenti. In questo contesto la rete assume un ruolo fondamentale; creare una rete di collaborazione tra le istituzioni e tutti i livelli della società,è fondamentale per ottenere risultati che durino nel tempo.

Al termine di questa prima seduta sull’argomento Rifiut, Marco Sala (Capogruppo PD) ha messo in comune alcune sue riflessioni per il nostro Sito:

“ E’ stata una serata molto interessante, ricca di interventi costruttivi e che hanno posto l'azione del cittadino verso percorsi di sostenibilità al centro dell'organizzazione della nostra amministrazione.
Quattro punti importanti al di la della delibera che andremo ad approvare in una prossima seduta sono emersi : Rinegoziazione dell'accordo con l'impresa Sangalli - Scioglimento del consorzio e passaggio all' Ato come soggetto di riferimento - Accordo su supporto di Anci con Conai che permetterà di ottenere un 16 % in più di rimborsi per il rifiuto differenziato raccolto
Da queste azioni dovremo avere un risparmio con una sperata riduzione della spesa pro capite
Emerge con chiarezza come il raggiungimento di una minor produzione di rifiuti passa dall'apporto di ciascuno di noi dove l'amministrazione comunale deve mantenere un governo efficace ed economico del processo!
Il nostro Comune dispone di professionalità , conosce con profondità e competenze i numeri per cui possiamo dire che è sul pezzo
Dobbiamo tutti noi arrivare ad una evidente riduzione dei rifiuti prodotti : da qui parte tutto !
Continuiamo ponendoci ambiziosi obiettivi : riduciamo da 160 a 100 i kg pro capite di indifferenziata prodotta all'anno entro un tempo breve ! Solo così potremo garantire un mondo più vivibile e salubre per i nostri figli”

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?