Seguici su: Facebook  Instagram  YouTube

forum parcoSabato 15 ottobre al Binario 7, davanti ad un folto pubblico il Forum Tematico del PD di Monza ha presentato le 25 proposte per il piano di tutela e valorizzazione del Parco e della Villa Reale di Monza.

Cercando di andare oltre le polemiche in atto su autodromo e concerti, Il Forum Cultura-Parco e Villa Reale, ha lavorato silenziosamente per un anno, raccogliendo idee e coinvolgendo esperti, associazioni e cittadini in due seminari per proporre idee e progetti di alto respiro, e per una volta volare alto.

Sergio Civati (Coordinatore del Forum) introducendo i lavori, ha sottolineato i due obiettivi dell’incontro: da una parte con la presentazione del documento, il segnare un “punto di arrivo” di un lungo percorso di di elaborazione e dall’’altra un punto di partenza per con confronto con forze politiche, associazioni, Consorzio affinchè si arrivi (ognuno per il proprio ruolo e responsabilità) a determinare piani e progetti che permettano tutela e valorizzazione.

Giorgio Buizza, ex agronomo del Parco ha descritto in modo magistrale la storia del Parco e soprattutto la necessità oggi di recuperare la sua visione unitaria, a partire da un’idea forte: la relazione tra la Villa Reale ed i Giardini e tra entrambi ed il Parco. L’intervento di Giorgio Buizza e le immagini a corredo sono disponibili qui

Gimmi Perego (che ha prodotto il documento di sintesi) ha presentato le 25 proposte, unite da una visione fondamentale: il patrimonio culturale ed ambientale rappresentato da Villa Reale e Parco va gestito ispirandosi al Codice dei beni culturali e del paesaggio, che giustamente chiede tutela e valorizzazione.

Le proposte comunque limitate e non esaustive e soprattutto aperte alla continuità di nuovi contributi sono di medio e lungo termine e riguardano gli aspetti strategici: l’unitarietà Parco-Villa-città – recupero,tutela e progettualità ambientale e culturale del Parco – completamento del restauro della Villa reale e dei Giardini.

E’ quindi necessario un Piano del Consorzio che permetta di ripresentare la richiesta per riconoscere il Parco e la Villa Reale come bene del “Patrimonio dell’Umanità” dell’Unesco.

Qui le 25 proposte

Il dibattito seguente ha soprattutto espresso alcuni significati.

Pur nella diversità di posizioni, i toni e i contenuti espressi hanno permesso di buttare un “piccolo ponte” (favorito dal forum) tra associazioni ambientaliste e istituzioni; contributi integrativi come quello del Consigliere Franco Monteri riguardo alla necessità di facilitare accessi e frequentazioni da parte dei diversamente abili; l’importanza della presenza degli interventi e della volontà di proseguire un lavoro comune da parte di Roberto Rampi, parlamentare PD e di Enrico Brambilla, capogruppo PD in Consiglio Regionale. Leggi il suo commento

Essendo un percorso aperto e che dovrà vedere passi successivi in città e nei livelli territoriali sovra comunali, non ci sono state volutamente conclusioni da parte del Forum (che ha il compito di proporre non di prendere decisioni) e l’importante contributo di Roberto Scanagatti, sindaco di Monza e Presidente del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza.

Tra le tante riflessioni portate, Scanagatti ha sottolineato l’importante contributo iniziale di Buizza e la positività del lavoro fatto dal Forum, ha precisato che i fondi che arrivano da Regione Lombardia dovranno riguardare anche interventi importanti per il Parco ed ha dato disponibilità a confrontarsi anche con le associazioni riguardo ai temi di più delicati e controversi, come quelle riguardanti alcune aree del parco in concessione.

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?