Seguici su: FacebookTwitter

basta un siSave the date. Domenica 2 ottobre presso la Camera del Lavoro di Milano, corso di Porta Vittoria 43, assemblea nazionale “Sinistra per il Sì”, dedicata a “offrire le buone ragioni del “Sì” stando ai contenuti della riforma ed evitando qualsiasi lettura autoreferenziale e politicista, distante anni luce dalle necessità dei cittadini”.

Sul sito sinistraperilsi.it spiegano come si “tratti di un momento importante per la nostra democrazia. Solenne. In cui il popolo si fa costituente. Per noi si tratta di attuare sempre meglio i valori e i principi contenuti nella prima parte della Costituzione secondo quanto previsto dagli stessi padri costituenti, tenendo conto dei tanti cambiamenti intervenuti in questi settant'anni che ci separano dall'adozione della Costituzione”.

“Vogliamo contribuire a un dibattito largo, partecipato. Vogliamo offrire le buone ragioni del SI stando ai contenuti della riforma ed evitando qualsiasi lettura autoreferenziale e politicista, distante anni luce dalle necessità dei cittadini.

In questo sforzo riconosciamo grande parte delle riflessioni che storicamente hanno animato le proposte di cambiamento e di innovazione istituzionale della sinistra riformista italiana.

Nelle prossime giornate percorreremo tutto il Paese con iniziative, dibattiti e incontri per spiegare la riforma, confrontarci con tutti e dare vita a comitati locali che radichino sempre meglio nel territorio il sostegno al si.

Promuoviamo anche per questo un percorso nazionale di iniziative con i primi appuntamenti salienti già previsti a Rimini il 24 settembre, Torino, Palermo e Napoli. 
Invitiamo inoltre tutti, esperienze politiche e forze sociali, all'Assemblea nazionale aperta che terremo Domenica 2 Ottobre a Milano.

Noi, donne e uomini della Sinistra, sosteniamo le ragioni del Si avendo a cuore prima di tutto democrazia, lavoro, welfare, solidarietà, equità, partecipazione.
Per una democrazia inclusiva e decidente. Per una Politica capace di migliorare se stessa e le istituzioni, in cui i cittadini tornino a riconoscersi, per dare voce e protagonismo a chi non ne ha.

Prime adesioni:

Luigi Berlinguer, Franco Cassano, Vannino Chiti, Cesare Damiano, Paola De Micheli, Piero Fassino, Anna Finocchiaro, Roberto Gualtieri, Alessandra Kustermann, Catiuscia Marini, Maurizio Martina, Matteo Mauri, Matteo Orfini, Andrea Orlando, Gianni Pittella, Luciano Pizzetti, Edo Ronchi, Sergio Staino, Mario Tronti, Salvatore Veca, Francesco Verducci, Sergio Zavoli, Nicola Zingaretti.

Per partecipare e aderire scrivere a ”.

 

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?