Seguici su: Facebook  Instagram  YouTube

Un aiuto al discernimento in una società che continuamente ci interpella

DATE A CESARE QUEL CHE E’ DI CESARE

Scarica i volantini

La proposta fatta dalla nostra Diocesi e recepita dalle zone pastorali di Milano, Varese, Lecco, Rho e Monza,

nasce dall’esigenza di aiutare i laici giovani nel difficile compito del discernimento oggi più che mai sentito

nella nostra società.

Questa sfida è stata accolta da diversi gruppi-movimenti religiosi che coordinati dalla commissione Fisp dei

vari decanati hanno deciso di proporre anche ai giovani della nostra Zona il cammino già sperimentato a

Milano nel precedente anno pastorale.

Ma quali sono gli obiettivi che questa “scuola di formazione” si prefigge?

Fare formazione socio-politica vuol dire aiutare a costituire personalità dotate di competenze, di criteri di

giudizio, di orientamenti che siano in grado di affrontare con sufficiente maturità le principali questioni

etico-sociali odierne e di relazionarsi consapevolmente con quanti, sotto diversi profili, se ne occupano.

L’opzione formativa è integrata da un’opzione di fede e un’opzione etica:

- l’opzione formativa: si vuole favorire l’edificazione personale: rendere la persona più matura, più

responsabile, più motivata, più coerente, più capace di impegnarsi a lungo in un determinato ambito

di suo interesse, rispondendo così ad uno dei più grandi bisogni della persona.

- L’opzione di fede: non soltanto perché si fa riferimento alla dottrina sociale della Chiesa o

genericamente alla fede cristiana, ma perché si intende provocare la persona circa il suo vissuto

credente e favorire la sua partecipazione da laico alla vita della Chiesa nel mondo.

- L’opzione etica: si deve essere consapevoli che l’economia, la politica, le leggi, sono semplicemente

strumenti ad esclusivo servizio dell’uomo, non di altro o di altre logiche.

L’obiettivo principale è quello di dischiudere il mondo dell’impegno sociale e politico per rispondere al

bisogno di interesse dei giovani per questo ambito vitale per il presente ed il futuro di tutti.

Altri obiettivi sono quello di mettere in comunicazione i giovani con le realtà presenti nella nostra diocesi

impegnate a vario titolo e con diverse e multiformi sensibilità nel settore socio-politico, quello di gettare un

seme perché negli anni a venire i cattolici possano portare un contributo culturale significativo nel territorio

in cui vivono e da ultimo quello di favorire un dialogo fecondo tra le realtà presenti nella nostra diocesi

impegnate a vario titolo e con diverse e multiformi sensibilità nel settore socio-politico a partire da un

progetto concreto come la formazione dei giovani.

Il corso è aperto a tutti i giovani dai 18 ai 35 anni che condividono le finalità del progetto e prevede otto

incontri sui seguenti temi:

Cristiani e polis: nella compagnia degli uomini;

La Dottrina sociale della Chiesa: ingerenza o guida?;

Fede cristiana e agire sociale: ideali ed esperienze nella società italiana; Il cristiano e il denaro: tra

responsabilità e interesse;

Legalità, giustizia sociale, cittadinanza attiva;

Da soli all'appuntamento con il mondo? Integrazione e diversità in Europa;

Il cristiano, la vita, la morte: i confini della bioetica;

Ambiente e salvaguardia del Creato.

Gli incontri si svolgeranno un sabato mattina al mese, presso il centro “Mamma Rita” di Monza, e saranno

strutturati con un momento di preghiera iniziale, la relazione principale con spazio per il dibattito, alcuni

laboratori tematici per far conoscere e interagire i giovani tra loro. Si concluderà il tutto con un aperitivo

equo e solidale.

Il corso verrà presentato con la giornata di lancio di Sabato 26 settembre, ore 11.00, al centro Agorà di Carate Brianza,

via Colombo 2. Saranno presenti don Armando Cattaneo, vicario episcopale, e altri ospiti.

Per informazioni e iscrizioni al corso:

tel. 02 58391395

www.scuolaformazionepolitica.org

 

 

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?