Seguici su: FacebookTwitter

  • Pilotto AlbertoCredo che le continue scosse di terremoto che si susseguono in centro Italia in questi giorni, le 6000 persone sfollate, le 200mila abitazioni insicure danneggiate o completamente distrutte nelle zone del terremoto, il 90% delle scuole costruite senza criteri antisismici, ci costringano a ripensare alla politica e alle priorità di questo paese.

  • costituzioneContro la riforma costituzionale, il monito del cosiddetto “combinato disposto” ha svolto un ruolo centrale.

    L’idea alla base sembra semplice: se la riforma passa, la fiducia al governo sarà attribuita in futuro solo dalla Camera. Qui, il partito che vincerà le elezioni esprimerà 340 deputati grazie all’Italicum, e tutto questo produrrebbe una concentrazione anomala, o almeno si sostiene, nelle mani dell’esecutivo. Ma è davvero fondata questa tesi? Procediamo per ordine.

  • Basta un sìA pochi giorni dal voto referendario, mi è naturale ripensare”al prima”, cioè al vissuto della lunga esperienza del Comitato del Sì monzese e al dopo… cosa può succedere il fatidico 5 dicembre.

    Faceva caldo… molto caldo, quando iniziò l’avventura referendaria.

  • Pilotto AlbertoCarissime e Carissimi,

    domenica 4 dicembre è un momento importante per la nostra Repubblica. Una giornata che ci potrebbe aprire ad un cambiamento necessario innanzitutto per raggiungere quella stabilità di governo fortemente attesa sia a livello nazionale che a livello internazionale.

  • Pilotto AlbertoPur nella tristezza dell'occasione persa di riformare questo paese, inoltro il mio grazie a tutti i componenti del Comitato del Sì per il grande lavoro fatto che ci ha consentito nella nostra città di vincere di misura sul No. Di seguito riporto i dati definitivi dal Viminale.
    Una piccola soddisfazione in un momento difficile e preoccupante per il nostro Paese.

Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?