regolamento primarieLe forze politiche, democratiche, progressiste, antifasciste, riunite nella coalizione di centrosinistra, sottoscrivendo il presente regolamento, dichiarano di riconoscere nello strumento delle primarie, aperte alla massima partecipazione delle cittadine e dei cittadini monzesi, il metodo di scelta del candidato o della candidata a Sindaco della città di Monza.

Le stesse forze politiche si impegnano a garantire un adeguato sostegno allo svolgimento della consultazione e a sostenere il candidato o la candidata vincente nelle Primarie, quale candidatura della coalizione alle elezioni amministrative del 2022.

I candidati e le candidate che partecipano alle elezioni primarie, sottoscrivendo il presente

regolamento, si impegnano a riconoscersi nella coalizione, a rappresentarla, a sottoscrivere il “Manifesto di Coalizione” stesso e a sostenere il la candidatura che risulterà vincente.

Il candidato o la candidata che risulterà vincente alle elezioni primarie si impegna ad avvalersi della collaborazione delle altre candidature che, partecipando alla competizione, hanno contribuito ad ampliare la partecipazione e rafforzare la coalizione.

Art. 1 – Periodo di svolgimento delle primarie

Le elezioni primarie si svolgeranno in un’unica data fissata per il giorno

domenica 13 marzo 2022

Art. 2 – Comitato Organizzativo

Le forze politiche che compongono la coalizione di centrosinistra costituiscono un Comitato Organizzativo composto da 2 (due) rappresentanti di ciascuna forza politica, a cui si aggiungerà, senza diritto di voto, 1 (uno) rappresentante di ciascun candidato o candidata.

Il Comitato Organizzativo elegge al proprio interno la Presidenza. La Presidenza ha la funzione di coordinare il comitato e assume le proprie decisioni a maggioranza delle forze politiche. Il Comitato Organizzativo:

  • sovraintende allo svolgimento delle primarie;
  • predispone il codice di autoregolamentazione per la disciplina della

campagna elettorale da parte dei candidati e delle candidate alla carica di Sindaco;

  • vigila sul rispetto del presente regolamento e del Codice di autoregolamentazione, segnalando al Collegio di Garanzia eventuali violazioni;
  • pubblica su un sito dedicato o, in sua assenza, sui siti delle forze politiche che compongono la coalizione, le eventuali disposizioni emanate dal Comitato Organizzativo stesso, il recapito presso cui è possibile inviare comunicazioni dirette al Comitato, l’elenco delle candidature, la mappa dei seggi e le istruzioni per le operazioni di voto;
  • predispone la modulistica per la presentazione delle candidature e per le operazioni di voto;
  • definisce i seggi elettorali e nomina i/le presidenti di seggio, e gli scrutatori e le scrutinatrici;
  • ufficializza la lista delle candidature e la rende pubblica;
  • redige le istruzioni per le operazioni di voto;
  • stabilisce le modalità con le quali i candidati e le candidate possono nominare i propri

rappresentanti all’interno dei seggi;

  • organizza la gestione delle operazioni di voto, di ricezione dei risultati e

di verifica dei risultati comunicati dai presidenti di seggio;

  • proclama i risultati e il vincitore o la vincitrice delle primarie;
  • dispone ed approva apposito bilancio da rendere pubblico entro due mesi

dalle primarie;

  • promuove l’organizzazione di eventi nei quali tutti i candidati e le candidate possano

essere presentati alla città.

Art. 3 – Collegio di Garanzia

Le forze politiche che compongono la coalizione di centrosinistra nominano all’unanimità un Collegio di Garanzia composto da 5 (cinque) persone, indicandone una in qualità di Presidente o Presidentessa.
Il Collegio di Garanzia si riunisce validamente con la presenza di 3 (tre) componenti e delibera a maggioranza dei presenti; in caso di parità prevale il voto della Presidenza del Collegio di Garanzia.

I componenti del Collegio di Garanzia possono essere individuati anche tra persone non residenti in Monza; in ogni caso non possono rivestire alcun ruolo direttivo in un partito/movimento/lista civica.
Il Collegio di Garanzia:

  • provvede alla definizione degli eventuali reclami durante lo svolgimento della campagna elettorale e/o avverso l’esito delle elezioni primarie che potranno essere presentati entro 48 (quarantotto) ore dalla proclamazione dei risultati. Il Collegio darà risposta non appellabile entro le 48 (quarantotto) ore successive;
  • provvede alla definizione degli eventuali reclami sul mancato rispetto del codice di autoregolamentazione per la disciplina della campagna elettorale entro 24 (ventiquattro) ore dalla loro presentazione;
  • decide tempestivamente su ogni controversia insorta tra i candidati e le candidate o tra loro e il Comitato Organizzativo.

Art. 4 – Incompatibilità

Le funzioni di componente del Comitato Organizzativo e del Collegio di Garanzia sono incompatibili con la candidatura alle consultazioni primarie.

Art. 5 – Presentazione delle candidature

Possono essere candidati e candidate per la carica di Sindaco alle primarie per le amministrative di Monza 2022 i cittadini e le cittadine in possesso dei requisiti di legge  di eleggibilità a tale carica, che dichiarino di essere elettori di una delle forze politiche che compongono la coalizione di centrosinistra e che sottoscrivano il Manifesto di Coalizione predisposto dalla stessa coalizione, il codice di autoregolamentazione, il codice etico dei candidati e delle candidate della coalizione del centrosinistra e che si impegnino a riconoscere l’esito delle primarie e sostenere lealmente il vincitore o la vincitrice nella competizione elettorale.

La candidatura alle primarie può essere avanzata da ciascuna forza componente la coalizione, o da singoli cittadini e cittadine. In ogni caso le candidature dovranno raccogliere 150 firme di sottoscrizione.
Possono sottoscrivere le candidature solo i cittadini e le cittadine aventi diritto al voto nel comune di Monza e i/le giovani che abbiano compiuto i 16 anni alla data della sottoscrizione residenti nel comune di Monza.

Ogni avente diritto non può sottoscrivere più di una candidatura. Sottoscrizioni multiple saranno tutte considerate nulle.

Chiunque sia intenzionato ad avviare la raccolta firme per la presentazione della propria candidatura a Sindaco, deve darne comunicazione al Comitato Organizzativo inviando una mail a , entro le ore 24,00 del giorno 15 febbraio 2022.

La raccolta delle firme per la presentazione delle candidature si terrà dal giorno 12 febbraio a martedì 22 febbraio fino alle ore 21.00.

Ciascun modulo di raccolta delle firme dovrà essere certificato da appartenenti alle forze politiche componenti la coalizione con funzioni di parlamentari europei o nazionali, consiglieri o assessori regionali, consiglieri provinciali, consiglieri o assessori comunali; ovvero da notai e avvocati il cui nominativo sia stato preventivamente comunicato al Comitato Organizzativo e da questo approvato. La candidatura alle primarie da parte di uno dei soggetti sopraelencati è da ritenersi incompatibile con il ruolo di certificatore.

Al termine delle verifiche di regolarità della documentazione, da completare entro 48 (quarantotto) ore dal termine per la presentazione delle candidature, il Comitato Organizzativo rende noti i nominativi dei candidati ammessi e delle candidate ammesse alle primarie.

I candidati e le candidate potranno indicare un proprio rappresentante, senza diritto di voto, nel Comitato Organizzativo.  

Terminate tutte le operazioni il Comitato Organizzativo stabilisce mediante sorteggio da effettuarsi alla presenza delle persone candidate o di loro rappresentanti, il numero d’ordine da assegnare a ciascun candidato o candidata. I nomi dei candidati e delle candidate saranno riportati sulle schede elettorali e su qualsiasi altro materiale prodotto per la campagna d’informazione secondo l’ordine assegnato dal sorteggio.

Art. 6 – Elettori

Partecipano alle primarie in qualità di elettori ed elettrici i cittadini e le cittadine che abbiano piena titolarità del diritto attivo di voto per le elezioni Comunali di Monza. Inoltre hanno diritto di voto alle primarie nel seggio corrispondente all’indirizzo di domicilio, i/le giovani che alla data delle primarie abbiano compiuto il sedicesimo anno d’età, le cittadine e i cittadini italiani, o dell’Unione Europea, nonché di altri Paesi, in possesso di permesso di soggiorno, residenti nel Comune di Monza.

Per essere ammessi al voto gli elettori e le elettrici devono dichiarare di riconoscersi nel “Manifesto della Coalizione” sottoscrivendo una dichiarazione, e versare una quota di almeno 2,00 (due) euro, a titolo di contributo alle spese organizzative.

Art. 7 – Operazioni voto e scrutinio

Prima dell’inizio delle operazioni di voto le schede vengono vidimate dagli scrutatori.
Le operazioni di voto iniziano alle ore 8,00 e si concludono alle ore 20,00.
Per votare è necessario presentare un documento di identità che attesti la residenza nell’area di competenza del seggio e, per i cittadini italiani maggiorenni, la tessera elettorale.

L’elettore esprime un’unica preferenza tracciando una croce in corrispondenza del candidato o della candidata prescelto/a. Terminate le operazioni di voto inizia lo scrutinio delle schede, presso il seggio o in altra località indicata dal Comitato Organizzativo per i seggi realizzati con gazebo o altre sedi. L’esito dello scrutinio dovrà essere riportato sul verbale di seggio.

I nominativi dei/delle rappresentanti dei candidati o delle candidati alle primarie nei seggi dovranno essere comunicati al Comitato Organizzativo entro 48 (quarantotto) ore dell’apertura dei seggi.

Il verbale di seggio, redatto e sottoscritto dalla Presidenza e dai soggetti componenti il seggio deve essere immediatamente consegnato al Comitato Organizzativo.

Viste le circostanze sanitarie legate alla pandemia da Covid-19, tutte le operazioni di voto si svolgeranno adottando tutti i provvedimenti necessari a contenere i rischi di contagio.

Art. 8 – Utilizzo delle quote di partecipazione alle primarie

I fondi raccolti durante le primarie saranno consegnati al Comitato Organizzativo che li utilizzerà per far fronte alle spese sostenute per la preparazione e allestimento delle primarie.

Nel caso in cui i fondi raccolti eccedano le spese sostenute, il residuo sarà corrisposto al comitato elettorale del candidato sindaco della coalizione di centrosinistra, per sostenere le spese della campagna elettorale. Nulla è dovuto alle singole forze politiche componenti la coalizione.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER LA CAMPAGNA ELETTORALE DEI CANDIDATI E DELLE CANDIDATE A SINDACO DI MONZA ALLE PRIMARIE DELLA COALIZIONE DI CENTROSINISTRA

 

Art. 1 – Ambito di applicazione

Il presente codice disciplina la campagna elettorale relativa alle elezioni primarie per la scelta del candidato o della candidata della coalizione di centrosinistra a Sindaco di Monza per le elezioni amministrative del 2022.

Articolo 2 – Norme generali relative alla campagna elettorale dei candidati e delle candidate

Al momento dell’ammissione della candidatura, ciascun candidato e candidata sottoscrive il presente codice, impegnandosi a rispettare le norme in esso contenute.

I candidati e le candidate si impegnano ad accettare il risultato delle primarie e a sostenere il candidato o la candidata vincente nella campagna elettorale per l’elezione del Sindaco di Monza. La candidatura che risulterà vincente alle elezioni primarie si impegna ad avvalersi della collaborazione degli altri candidati e candidate.

Le iniziative dei singoli candidati e delle singole candidate devono essere volte a favorire la più ampia partecipazione.
I candidati e le candidate si impegnano a partecipare ad eventuali incontri pubblici organizzati dal Comitato Organizzativo o dalla coalizione di centrosinistra su tematiche e con le modalità definite dal Comitato Organizzativo.

Ogni candidato e ogni candidata è tenuto/a a svolgere la propria campagna elettorale con lealtà nei confronti degli altri candidati e delle altre candidate, evitando ogni azione che possa ledere la dignità delle altrui candidature oltre che l’immagine delle forze politiche componenti la coalizione.

Il materiale di promozione della candidatura in nessun caso potrà contenere frasi, slogan, immagini tesi a svantaggiare direttamente o indirettamente gli altri candidati e candidate.

Art. 3 – Contenimento dei costi e mezzi di propaganda consentiti

La campagna elettorale dei candidati deve essere improntata a criteri di sobrietà.
Il materiale pubblicitario deve sempre riportare un richiamo alle Primarie di Monza 2022.

È ammessa la pubblicazione, anche a pagamento, di messaggi pubblicitari su mezzi radiotelevisivi, testate giornalistiche o altri organi di stampa e informazione.

È ammessa l’affissione in luoghi pubblici di manifesti o locandine diretti a promuovere la candidatura o le iniziative dei singoli candidati e delle singole candidate, purché negli spazi e nel rispetto delle modalità previste dalla vigente normativa. Non è ammesso l’utilizzo di impianti pubblicitari di grande formato (6x3, 4x3) e di impianti pubblicitari dinamici.

E’ ammessa la spedizione di materiale stampato a spese dei candidati o delle candidate.
La propaganda elettorale attraverso siti web o altri mezzi di comunicazione elettronica ovvero la stampa di materiale informativo è sempre consentita, nel rispetto della vigente normativa generale applicabile.
A tutti i mezzi di propaganda di cui al presente codice si applicano in ogni caso i limiti previsti dalla normativa vigente in materia di propaganda elettorale per l’elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica, nonché le disposizioni poste a tutela dei dati personali e della vita privata delle persone.

Inoltre, i/le partecipanti si impegnano ad evitare forme di propaganda invasiva, nel rispetto dell'ambiente e del decoro urbano.

Art. 4 – Limiti di spesa

La campagna elettorale dei candidati e delle candidate è finanziata in modo trasparente e accompagnata da rendiconto finale.

Il limite di spesa per l’intera campagna per ciascun candidato o candidata è fissato in € 5.000,00 (cinquemila).

Per spese relative alla campagna elettorale si intendono quelle relative a:

  • produzione, acquisto o affitto di materiali e di mezzi per la propaganda;
  • distribuzione e diffusione dei materiali e dei mezzi di cui al precedente

punto;

  • organizzazione di manifestazioni di propaganda, in luoghi pubblici o

aperti al pubblico, anche di carattere ricreativo, sociale, culturale e

sportivo;

  • ogni altra prestazione o altro servizio inerente la campagna elettorale,

nonché il personale utilizzato.

Le spese per la propaganda elettorale direttamente riferibili ad un candidato, anche quelle relative al contributo di sostenitori esterni, sono computate, ai fini della definizione del limite di spesa definito per ogni singolo candidato o candidata.

Entro 30 (trenta) giorni dallo svolgimento delle elezioni primarie ciascun candidato e candidata deve trasmettere al Comitato Organizzativo un rendiconto dettagliato relativo ai contributi e servizi ricevuti ed alle spese sostenute. Per garantire la trasparenza, è richiesta la massima analiticità del rendiconto, sia per quello che riguarda i contributi ricevuti che per le spese effettuate.

Il Comitato Organizzativo, dietro liberatoria dei candidati e delle candidate, curerà la pubblicità delle dichiarazioni, anche mediante pubblicazione sulla rete web, garantendo comunque modalità che ne consentano la consultazione a coloro che hanno diritto al voto per le primarie e che facciano richiesta.

Art. 5 – Presentazioni delle segnalazioni per violazione del codice

Il Comitato Organizzativo vigila sul corretto svolgimento della campagna elettorale per le primarie nonché sul rispetto del presente codice, e segnala prontamente al Collegio di Garanzia ogni eventuale violazione, proponendo misure ritenute necessarie per far cessare la violazione e ripristinare il corretto svolgimento della campagna elettorale.

Ciascun candidato o candidata alle elezioni primarie può presentare una segnalazione al Collegio di Garanzia in relazione a presunte violazioni regolamentari. La segnalazione è redatta in forma scritta, in modo quanto più circostanziato, e ad essa è allegata tutta la documentazione eventualmente ritenuta utile al fine di comprovare i contenuti della denuncia.

Art. 6 – Esame delle segnalazioni e misure sanzionatorie

Il Collegio di Garanzia, una volta investito di un ricorso o segnalazione da parte di un candidato, di una candidata o del Comitato Organizzativo, invita tutti i soggetti interessati a render note le osservazioni o a produrre la documentazione ritenuta utile, assegnando un termine non superiore alle 48 (quarantotto) ore. Una volta acquisite tutte le informazioni considerate necessarie il Collegio di Garanzia si pronuncia, in un limite massimo di 48 (quarantotto) ore, in merito al ricorso o alla segnalazione. Tale pronuncia è inappellabile. Nell’ultima settimana prima delle elezioni primarie i termini temporali per la presentazione della documentazione e per la pronuncia del Collegio sono ridotti a 24 (ventiquattro) ore.

Il Collegio di Garanzia, accertata la violazione, prescrive agli interessati le misure adottate al fine di far cessare il comportamento scorretto e di ristabilire la parità di condizioni fra i candidati e le candidate, fissando un termine entro cui devono essere effettuati eventuali interventi riparatori a favore dei soggetti risultati danneggiati. Il Collegio di Garanzia, in caso di mancato rispetto delle misure prescritte, può sanzionare i candidati e le candidate sino alla loro esclusione dalla competizione elettorale o alla dichiarazione di decadenza se la persona interessata è risultata la vincente delle primarie.

Solo nel caso in cui il Collegio di garanzia si pronunci per la esclusione o la decadenza il candidato o la candidata interessato/a può presentare ricorso, per revocazione, allo stesso Collegio che si dovrà pronunciare entro 48 (quarantotto) ore. Tale decisione è inappellabile.

Di ogni riunione in cui è esaminato un ricorso o una segnalazione è redatto un verbale, sottoscritto da tutti i componenti e le componenti del Collegio presenti, nel quale si dà conto, anche in forma succinta, degli elementi esaminati e delle motivazioni poste alla base della decisione assunta.

Con la sottoscrizione del presente Codice i candidati e le candidate demandano la soluzione di ogni controversia concernente il codice stesso e le norme inerenti le primarie al Collegio di Garanzia, in veste di arbitro irrituale ed amichevole compositore.

CODICE ETICO PER I CANDIDATI A SINDACO DI MONZA ALLE PRIMARIE DELLA COALIZIONE DI CENTROSINISTRA

Le donne e gli uomini che intendono presentare la propria candidatura alle elezioni primarie per la scelta del candidato o della candidata a Sindaco di Monza della coalizione di centrosinistra nel sottoscrivere il presente codice etico si impegnano a rispettarne i contenuti.

Le candidature alla carica di Sindaco riconoscono nella Costituzione Italiana la fonte primaria delle regole della comunità politica e, in particolare, nel rispetto dell’art. 54 si impegnano ad adempiere la funzione pubblica cui si candidano con “disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge”.

Le donne e gli uomini che intendono presentare la propria candidatura alle elezioni primarie per la scelta del candidato a Sindaco di Monza della coalizione di centrosinistra dichiarano di:

  • non ricoprire ruoli in imprese, associazioni, enti o fondazioni, aventi scopo di lucro o titolarità prevalente di interessi economico-finanziari, tali per cui possa configurarsi un conflitto di interessi che condizioni i propri comportamenti;
  • non appartenere ad associazioni che comportino un vincolo di segretezza o comunque a carattere riservato, ovvero che comportino forme di mutuo sostegno, tali da porre in pericolo il rispetto dei principi di uguaglianza di fronte alla legge e di imparzialità nelle pubbliche amministrazioni.

Le donne e gli uomini che intendono presentare la propria candidatura alle elezioni primarie per la scelta del candidato a Sindaco di Monza della coalizione di centrosinistra dichiarano di:

  • non essere, per quanto a loro noto, indagati;
  • non essere imputati;
  • non aver subito sentenza di condanna, ancorché non ancora definitiva, ovvero sentenza di applicazione della pena su richiesta delle parti (cd. Patteggiamento) per un delitto per cui sia previsto l’arresto obbligatorio o facoltativo in flagranza.

Le donne e gli uomini che intendono presentare la propria candidatura alle elezioni primarie per la scelta del candidato o della candidata a Sindaco di Monza della coalizione di centrosinistra si impegnano a rinunciare alla propria candidatura nel caso uno dei succitati eventi, non sussistente all’atto della sottoscrizione del presente documento, si verifichi prima della data di pubblicazione dei comizi elettorali (termini di presentazione della candidatura).

Le donne e gli uomini che intendono presentare la propria candidatura alle elezioni primarie per la scelta del candidato o della candidata a Sindaco di Monza della coalizione di centrosinistra si impegnano, sul proprio onore, in caso di elezione a Sindaco a:

  • mantenere un comportamento coerente con l’impegno sottoscritto sulla base del programma presentato dalla coalizione di centrosinistra;
  • condividere preventivamente con la coalizione che rappresenta le scelte amministrative strategiche;
  • render nota, nel rispetto della vigente normativa, la propria condizione patrimoniale e di reddito;
  • evitare l’uso strettamente personale e lo spreco di beni e delle risorse messi a disposizione in ragione dell’incarico; evitare, inoltre, l’impiego ingiustificato di risorse, ad esempio nel caso di acquisto di beni e di arredi destinati all’ufficio;
  • rifiutare regali o altra utilità, che non siano d’uso o di cortesia, da parte di persone o soggetti con cui si sia in relazione a causa della funzione istituzionale svolta;
  • non cumulare incarichi che precludano di svolgere compiutamente, con competenza e dedizione, le responsabilità assunte;
  • rendicontare periodicamente, attraverso strumenti informativi e/o iniziative pubbliche, l’attività istituzionale svolta;
  • non conferire né favorire il conferimento di incarichi a propri familiari o, tranne che negli uffici di personale collaborazione, a persone con cui si abbiano rapporti professionali;
  • avvalersi di consulenze esterne soltanto in condizioni di effettiva necessità, con adeguate motivazioni e con modalità di piena trasparenza;
  • sostenere la parità di genere nelle nomine di competenza dell’Amministrazione Comunale.

Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?