Matteo Renzi Senato

"L'Italia deve diventare il luogo delle opportunità. Se perderemo questa sfida non cercheremo alibi. Vogliamo che l’Italia diventi il luogo delle opportunità e chiediamo la fiducia sulla base di un cambiamento radicale. Se perderemo questa sfida sarà solo colpa mia. E’ il tempo del coraggio, che  non esclude nessuno e che non lascia alibi a nessuno”.

Così il presidente del Consiglio incaricato Matteo Renzi ha concluso lunedì 24 febbraio l’intervento al Senato con il quale ha chiesto la fiducia.

Renzi ha parlato a braccio per oltre un’ora, toccando tutti i temi caldi dell’agenda politica, dalle riforme, alla Giustizia, all’immigrazione, con    un’attenzione particolare alla scuola, a proposito della quale Renzi ha detto: “Non c’è politica che non parta dalla centralità della scuola”,  annunciando poi che presto si recherà in alcune scuole del Nord Est, e poi al Sud.

Il semestre europeo è stato tra i primi temi toccati da Renzi, che ha affermato: “Se vogliamo immaginare un semestre europeo serio dobbiamo pensare a che Europa immaginiamo nel mondo che cambia, ma non saremo credibili se non riusciremo ad arrivarci senza sistemare ciò che dobbiamo sistemare a casa nostra”.

Più volte il segretario del Pd ha sottolineato la necessità di passaggi concreti e puntuali sulle cose da fare. Cominciando a parlare di riforme, il presidente del Consiglio è partito dalla necessità di semplificazione della macchina burocratica e della Pubblica amministrazione.

 “Un Paese semplice e coraggioso – ha detto – che non ha paura di affrontare in modo diverso il rapporto con la P.A. Una politica forte è quella che affida tempi certi anche al ruolo dei dirigenti.        Fatti salvi i diritti acquisiti, basta per loro ai contratti a tempo indeterminato”.

“Ogni centesimo speso dalla P.A. deve essere visibile online” ha aggiunto, proponendo poi di inviare la dichiarazione dei redditi precompilata ai dipendenti pubblici e ai pensionati, usando anche la rete.

Passando poi alle riforme istituzionali e costituzionali, Renzi è tornato sulla necessità del superamento del Senato come seconda Camera e di una riforma  del titolo V “per rivedere le competenze esclusive di Stato e Regioni, con una clausola di intervento statale anche per le materie di esclusiva competenza regionale”.

“Fin dal mese di marzo porteremo la riforma del Senato a partire dall’Aula del Senato, e il tiolo V alla Camera”.

E, ha aggiunto, “politicamente esiste un legame netto delle riforme di Senato e titolo V con l’Italiacum. Sono 3 parti della stessa cosa”.

Ma ha precisato: “Con quale credibilità possiamo dire che è urgente intervenire sulla legge elettorale e poi perdere l'occasione del contingentamento dei tempi?”

Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?