Seguici su: FacebookTwitter

thumb pulizie primavera 2014 10Monza sta cambiando. Lo avevo detto qualche giorno fa, e ora ne sono ancora più convinto. Monza sta cambiando e ne ho avuto la prova, un’ulteriore prova, ieri mattina quando ho visto centinaia di persone al lavoro di domenica per rendere più bella e vivibile la propria città.

Impegnate a piantumare fiori e piccoli arbusti, a ripulire aree degradate, e a cancellare scarabocchi dai muri. Indossavano guanti e tute, trasportavano sacchi e ramazze. Erano genitori con i propri piccoli, erano gruppi di colleghi e di amici. Erano persone hanno sentito la necessità di dedicare volontariamente parte del riposo domenicale alla cura della propria città.

A volte basta dare la spinta iniziale, vincere l’inerzia e creare le condizioni adatte. E il resto viene da sé, con una facilità quasi sorprendente. 

Sono state oltre duemila le persone (ma siamo in attesa degli ultimi conteggi) che hanno deciso di partecipare alle Pulizie di Primavera, la manifestazione promossa per il secondo anno consecutivo dal sindaco Roberto Scanagatti.

Voglio congratularmi con ognuna di queste duemila persone, per aver impiegato parte del proprio tempo libero per la riuscita di un progetto così bello. E voglio ringraziare tutti i membri dei vari circoli cittadini del PD, perché erano davvero in tanti ieri e perché hanno svolto un bellissimo lavoro. Hanno ripulito l’area del mercato di via Paisiello e i giardinetti di via Asiago, l’area verde di via Debussy, il giardino dell’asilo notturno di via Raiberti, il sottopasso di viale Libertà e la zona che circonda l’istituto Mapelli. Hanno cancellato gli scarabocchi dai muri di via Eraclito. Riverniciato le panchine dei giardini delle vie Tolomei, Don Valentini e Gadda. Hanno ripulito il centro Ambrosini e le vie Tirso e Po. Si sono dati da fare con grande entusiasmo e determinazione, e mi auguro di vederli all’opera ancora più numerosi l’anno prossimo.



1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?