pillole-dimagranti-1Si torna in Aula dopo la "pausa" della campagna elettorale. Qualcuno è soddisfatto ed entra in Consiglio con il sorriso sulle labbra, qualcun altro un po' meno...ma anche questo fa parte del gioco ed accade da sempre (come dopo le partite di calcio).

Assenti per il centrosinistra i Consiglieri Alberto Pilotto e Basilio Pugliese.
LE SCUSE DI PIFFER
Piffer (Cambia Monza) ANTEFATTO: Nei giorni scorsi un consigliere comunale, sotto mentite spoglie, ha inviato a tutti gli assessori di Monza una e-mail in cui chiedeva un incontro per illustrare un problema urgente. Ha fatto ciò per misurare i tempi di risposta, dandone n otizia ad un organo di stampa locale. Il Cons. Piffer quindi chiede scusa, per ciò che ha fatto e per i disagi che ha creato. "Chiedo scusa a chi si è sentito offeso e delegittimato del proprio lavoro e prometto che da ora in avanti mi relazionerò in modo meno disinvolto con la stampa”.
AUGURI!!
Adamo (PDL) saluta Villa (la sera della surroga non era presente in aula) e fa i complimenti al Cons. Mandelli per l’elezione in Senato.
H2O…SAREMO NOI A DECIDERE.
Fuggetta (Mov 5stelle) riporta l’attenzione dell’aula consiliare sul tema dell’acqua pubblica. “Non vogliamo che avvenga come per il referendum per i rimborsi elettorali. Per la gestione della nostra acqua siamo noi a decidere e decideremo anche le modalità”.
PIAZZA CITTERIO: CHE SI STA FACENDO?
Morasso (IDV) presenta un’interpellanza all’Ass. Marrazzo relativa alla condizione in cui versa piazza Citterio. L’interpellanza, sottolinea il consigliere di Città Persone, è stata sollecitata dai cittadini che abitano nella zona suddetta. La piazza è uno degli accessi più belli della città, ma è da tempo trascurato.
L’Ass. Marrazzo: “a noi sta a cuore riportare la piazza ad una condizione diversa. Il vecchio distributore su quell’area non dovrebbe esistere ed interverremo perché l’attuale chiosco dei fiori venga trasferito sull’area occupata dal distributore”.
BARRIERE ARCHITETTONICHE: PROBLEMI AI SEGGI
Gerosa (SEL) segnala che a Monza, i disabili, durante i giorni delle elezioni hanno incontrato numerose difficoltà nei seggi elettorali, per la presenza di molte barriere architettoniche.
AI SEGGI, SEMPRE QUELLI!
Romeo (Lega) chiede che ai seggi non vengano incaricate, come presidenti e scrutatori, sempre le stesse persone e anche coloro che, forse per incapacità, non riescono a chiudere le operazioni di voto in tempi ragionevoli. Segnala inoltre la presenza di lampioni spenti, da due mesi, in via Parmenide. L’Ass. Marrazzo: “sono informato della via Parmenide, le lampadine verranno sostituite o con led o con vapori di sodio a bassa pressione”.
SAGGIA ANALISI POST-VOTO
Sala (PD): “Le elezioni sono state un importante momento di democrazia. Ora dobbiamo farci tutti carico di trovare soluzioni che permettano al nostro paese di essere governato. Ricordo quanto affermato anche dal Presidente Napolitano: il dovere di rappresentanza è dovere di rappresentare la dignità del nostro paese, e questo è il compiti degli eletti. Il tema delle preferenze espresse dai cittadini sulla scheda è una tematica che va affrontata. Si tratta inoltre di un tema di partecipazione e coinvolgimento. L’impegno del PD è stato riconosciuto in mezzo alla gente, le modalità di comunicazione scelte (sia a livello nazionale che regionale) non ci hanno aiutato, invece, a far comprendere fino in fondo la nostra proposta.
"MES-SAGGIO" POST VOTO
Maffè (PDL) "è ora di lavorare per il bene del nostro paese, senza perdere troppo tempo in analisi che non fanno progredire l’Italia. Non è stata fatta la riforma elettorale? Il risultato è sotto gli occhi di tutti".

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?