salute mentale giovaniCi siamo dimenticati dei giovani, negli anni passati. E ce ne siamo dimenticati ancor di più in questi mesi di pandemia, tanto che proprio i giovani – lo discuto miei studi recenti, che Arianna Sala ha ripreso su Prima Monza Giornale di Monza di oggi – sono i più colpiti in tempi di Covid: portano segni evidenti, cicatrici, che si misurano in termini di salute mentale, benessere soggettivo, qualità del sonno.

Eppure, in una cornice di desolanti politiche giovanili, continuiamo a colpevolizzare i giovani, confinarli in casa, pensare e agire per conto loro. Quando, invece, arriveremo a coinvolgerli, ascoltarli, farli vivere e magari permettere loro di ribaltare il mondo che gli stiamo consegnando?

E a Monza nei prossimi 5 anni cosa vogliamo fare?

 

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?