Siria pranzo cascina CostaSono già trascorsi  tre anni dall'inizio del conflitto che ancora insanguina la Siria che, almeno dapprincipio, monopolizzò le prime pagine dei giornali di tutto il mondo e le diplomazie internazionali. Oggi, a pochi giorni dalle elezioni presidenziali ai sensi della nuova Costituzione del  2012, i riflettori restano drammaticamente spenti e rivolti sull’emergenza del giorno, l’Ucraina, nell’attesa di rigirarsi altrove, rivolti sempre e solo, al “contingente” del momento.

Ma, nonostante le elezioni, la situazione siriana è e rimane difficilissima.

In questa tragica vicenda la vittima principale è, neanche a dirlo, la popolazione siriana, il futuro della quale è già stato pesantemente ipotecato dalla distruzione, ormai consumatasi, della coesione sociale e politica del Paese: il conflitto attuale ha già causato oltre 140.000 morti, milioni di profughi, distruzioni enormi in termini di beni privati e infrastrutture civili, miseria, fame.

Per testimoniare fattivamente la vicinanza al popolo siriano, un gruppo di volontari monzesi, guidati da Lorenzo Locati, con il loro progetto Pasqua in Siria - e con la collaborazione personale di Rosario Montalbano - ha organizzato, per sabato 29 marzo, alle ore 13, presso la Cascina Costa Alta nel Parco di Monza, una importante iniziativa per raccogliere i fondi necessari ad inviare in Siria cibo e medicinali: un pranzo a buffet, a contributo libero, con specialità della cucina Italia e siriana, dove incontrarsi, gustare qualcosa di buono e condividere un momento di solidarietà.

Per confermare la partecipazione, si può accedere alla pagina Facebook dell’evento Monza per la Syria

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?