beni comuniIn una società dominata dalle logiche di mercato, il rischio che stiamo correndo è quello di vedere alienati i beni collettivi: ciò è anticostituzionale e creerebbe danni irreparabili sugli equilibri naturali e sulla qualità della vita delle generazioni future.

Questo, in estrema sintesi, è quanto è emerso nell'incontro svoltosi presso il Circolo di Viale Libertà a Monza, sabato 22 febbraio 2014, su iniziativa delComitato Beni Comuni di Monza e Brianza; incontro che ha visto la partecipazione di Paolo Maddalena, giurista e vice presidente emerito della Corte Costituzionale, Paolo Berdini, urbanista, Luca Martinelli, giornalista, Domenico Fininguerra, già Sindaco di Cassinetta di Lugagnano, Comune vincitore del premio nazionale “Comuni virtuosi” e Riccardo Santolini, biologo.

Moderatore del seminario Emanuela Beacco, esperta di diritto amministrativo e di questioni ambientali.

Lo sforzo di difendere i Beni Comuni impone approfondimenti, studio, strumenti nuovi. E’ necessario fissare gli obiettivi e trovare nuove modalità di azione: dai beni pubblici (statali) ai beni collettivi, da promuovere e difendere attraverso la partecipazione democratica.

“Il territorio, alle origini, è sempre appartenuto al popolo a titolo di sovranità" ha spiegato Paolo Maddalena" dunque, tra i poteri sovrani del popolo rientra anche la “proprietà collettiva” del territorio. Per combattere il consumo di suolo è indispensabile eliminare gli equivoci sull’edificabilità e ribadire legislativamente, come suggerì la Corte costituzionale, che lo ius aedificandi non è tra i contenuti della proprietà privata dei suoli”.

Per chi volesse approfondire rinviamo a Rimando ad un articolo recentissimo sul Forum “Salviamo il paesaggio”, che riporta in modo compiuto il pensiero dell’illustre Costituzionalista.

 Articolo di Paolo Maddalena Su "Salviamo il paesaggio"

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?