Seguici su: FacebookTwitter

In evidenza

22-07-2019 | Redazione

Allevi, il "taglianastro". Si prende il merito per il bike sharing

Qualcuno ha il borgomastro. Monza il taglianastro. Il sindaco Allevi taglia nastri e sorride ai flash di fotografi e giornalisti, prendendos...

17-07-2019 | Redazione

Zingaretti: la strategia di Salvini? Sempre la fuga

Interessante intervista al segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti, che non ha dubbi su quale sia la strategia di Salvini anche...

26-06-2019 | Redazione

Patti di Cittadinanza. La giunta taglia i fondi e presenta a porte chiuse

Con tre mesi di ritardo, la Giunta Allevi ha presentato ieri a porte chiuse i Patti di Cittadinanza. I testi sono stati poi condivisi a...

Attualità

24-07-2019 | Redazione

Bando rifiuti: il silenzio della giunta Allevi

Si è conclusa la gara d’appalto per la raccolta e il trasporto dei rifiuti a Monza e c’è anche un vincitore, ma la giunta Allevi non ha anco...

08-07-2019 | Redazione

Lettura dell'Estate 2019: il testo della sentenza che scagiona Carola Rackete

Estate: tempo di letture. Meglio se incoraggianti, ottimiste e fiduciose. Il nostro consiglio per voi, dunque, da portare sotto l'ombrellone...

01-07-2019 | Redazione

A carte quarantotto il progetto antinquinamento a Monza. E i soldi dove sono finiti?

Lo scorso 30 giugno è terminata l’ordinanza della Giunta Allevi per il divieto di transito dei mezzi pesanti su Viale Libertà, una parte fon...

Il partito

08-07-2019 | Redazione

Con Sassoli il Pd garantisce l’Italia in Europa

David Sassoli presidente del Parlamento europeo. Indubbiamente una bella notizia e un grande successo del nostro Paese, con il Partito Democ...

26-06-2019 | Redazione

Milano Cortina 2026: subito al lavoro

Ci hanno creduto fin dall’inizio, Beppe Sala, Gianpietro Ghedina, Attilio Fontana e Luca Zaia, anche senza il sostegno del Governo Nazionale...

19-06-2019 | Redazione

PD, Zingaretti: dopo l’estate un grande evento per presentare il nostro piano.

Si apre con un saluto di Paolo Gentiloni ad Andrea Camilleri l’ultima direzione del Partito Democratico, tenutasi ieri al Nazareno, ...

Consiglio Comunale

01-07-2019 | Roberto Scanagatti

Ad Allevi non tornano i conti. Ancora una brutta figura

La maggioranza celebra nel peggiore dei modi il secondo compleanno.Quello che ormai da qualche mese era nell'aria è puntualmente accaduto du...

24-05-2019 | Redazione

Le scelte della Maggioranza in Consiglio. No a efficientamento, Sì a Dna sulla cacca dei cani

Cosa succede in consiglio comunale? Vediamo insieme alcune delle tematiche toccate recentemente dall’organo consiliare. ...

14-05-2019 | Redazione

Monza, energia sostenibile la giunta non s'impegna

Nel consiglio comunale del 13 Maggio, come Gruppo del PD, abbiamo presentato la proposta di realizzare uno o più impianti fotovoltaici su ed...

La pagina del Segretario

06-08-2019 | Matteo Raimondi

Arrivederci a Settembre!

Sono stati mesi impegnativi: dai congressi locali alle primarie nazionali, poi le elezioni europee per finire con la festa dell’Unità di Mon...

15-07-2019 | Matteo Raimondi

Altrove: la Festa Democratica di Monza. Storia di un grande successo

Si è conclusa ieri sera anche l’ultima giornata di Altrove: la Festa Democratica di Monza. ...

10-07-2019 | Matteo Raimondi

Festa Democratica a Monza. Manchi solo tu!

Luglio è mese di feste e a Monza è tutto pronto. Manchi solo tu. Altrove - La festa democratica di Monza. ...

Opinioni

29-07-2019 | Ennio Muraro

Moneta digitale Libra: una sfida all’economia mondiale

Credo che anche il PD monzese, che pure ha per compito quello di interpretare le realtà vicine, e di svilupparne una politica adatta, debba ...

18-07-2019 | Jorge Vallejo

Un nuovo Rinascimento. Integrazione come risposta alle destre

I Consiglieri Comunali durante “Altrove” festa del PD di Monza hanno trasmesso ai partecipanti il punto della situazione dei lavori comunali...

13-06-2019 | Jorge Vallejo

Impressioni dall'Assemblea Cittadina del Pd. L'opinione di un iscritto

Il 5 di giugno si è riunita l’assemblea cittadina per discutere e valutare il risultato elettorale delle scorse elezioni Europee. Gli interv...

bandiere-gdLa corsa alle  prossime elezioni regionali è aperta a tutti e la Lega ha adottato, per l’occasione, un nuovo slogan. “Prima il Nord!”. Geniale.

Pensandoci bene, sarebbe perfetto per molti altri sostantivi: “Prima i festini!” “Prima gli amici!” “Prima le vacanze!”. Peccato che a tutti questi “prima” si contrapponga necessariamente un “poi”.

“Poi il paese”, per la precisione.

Come, ovviamente, “poi la regione”, “il comune”, “la gente”.

Ma di tutto l’andirivieni di rimandi si è stufi, finalmente. Noi giovani, lombardi, del nord, per primi.

E questo non per avversioni ideologiche o di partito. Poco importano il colore o la fede di un uomo, a patto che lavori per il paese.

Non siamo in prima linea, in piazza, contro un uomo. Ci siamo per manifestare contro quanto ha fatto un uomo.

La Regione Lombardia ha vissuto per 17 anni consecutivi sotto la guida di Roberto Formigoni.

C’è anche chi, come molti di noi, è nato sotto quest’amministrazione.

E ci sono senz’altro diverse ragioni per la lunghissima durata di questo governo. Senza soffermarsi su voci o amicizie, si potrebbe parlare del ruolo delle opposizioni che ci sono – o meglio non ci sono – state nel tempo.

Oggi, però, emergono una serie di dati di fatto.

E sono numeri che fanno piangere. In 17 anni, sei membri delle varie giunte sono stati indagati per vari reati, tra cui spicca quello di associazione mafiosa.

Inoltre, nelle ultime settimane di bagarre mediatica, la coalizione guidata da sua eccellenza ha rischiato la frattura fin troppe volte. C’è, infatti, chi si diverte a fare ribaltoni. Salvo poi ritrattare ogni parola per paura di perdere a sua volta la poltrona.

In una situazione del genere non sarebbe forse meglio votare, piuttosto che paralizzare una regione? Lo sosteneva anche lo stesso Formigoni, in fondo. Ascoltarlo non sarebbe una cattiva idea, questa volta.

Molte persone sono scettiche di fronte alle proteste di piazza. Alcuni di noi per primi.

Eppure, ci sono piazze che danno segni, segni importanti. Come quella del 15 Ottobre.

C’erano fin troppe bandiere: quelle rosse, quelle di SEL, o dell’IDV. Così come manifesti, e slogan, e cartelloni. Ma più numerosi di tutti – e lo scriviamo con orgoglio – c’erano i Giovani Democratici e il PD. In prima linea, tantissimi drappi arancioni, a manifesto dell’entusiasmo e della partecipazione di questa giovanile.

Bandiere che sventolano sotto il palazzo della Regione; cosa sono, alla fine? Un simbolo.

Il simbolo che noi Giovani Democratici in piazza, tra la gente, al nostro posto, ci siamo. È qualcun altro, invece, ad essere seduto dove non dovrebbe.

Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?