Seguici su: FacebookTwitter

logo pdLe sollecitazioni di persone che stimo come Pif o Susy Iovieno perché il PD supporti un governo del M5S meritano una attenta risposta. Partiamo dall’incontro in streaming di Pierluigi Bersani con il M5S del 2013. Ve lo ricordate vero? Vi ricordate il mantra del PD come “PD meno L” e vi ricordate che la strategia del M5S era spingere il PD ad un accordo con la destra, proprio a dimostrare la non differenza tra i due schieramenti ? All’epoca il M5S dimostrò responsabilità verso il Paese?

Proseguirei con il tema dell’immigrazione e dei Richiedenti Asilo, che so stare particolarmente a cuore di Susy Iovieno. Siete consapevoli vero che su questo tema i Governi Renzi e Gentiloni hanno tenuto l’approccio più di sinistra degli ultimi 30 anni e che, per questo, ci siamo dissanguati nei confronti della destra? Avete mai parlato con le persone dei quartieri più popolari? Io mi sono sentito dire più e più volte che il PD era diventato il partito delle banche e degli Immigrati!

Bene: cosa ha fatto il M5S, non dico a supporto nostro, ma a supporto dell’accoglienza? Niente! Siccome il tema era ed è politicamente sensibilissimo il M5S ha taciuto, tenendo una posizione di assoluta ambiguità. Ora sento dire da qualche esponente del M5S “sull’immigrazione potremmo continuare con la linea Minniti”, come a dire: proseguiamo su una linea ma guardate che è quella del PD, non la nostra.

Infine, definiamo un percorso.

La precondizione perché PD e M5S inizino a parlarsi è che Di Maio o Grillo (non un Toninelli qualunque) dicano pubblicamente che centrosinistra e centrodestra non sono la stessa cosa, che il PD è una formazione politica rispettabile, composta nella gran parte da persone oneste e che quello che ci hanno gridato dietro per anni era solo un “trucco elettorale”.

A quel punto PD e M5S potrebbero verificare, in sedute pubbliche, se ci sono azioni di governo comuni e produrre un documento scritto che non lasci adito a dubbi nella realizzazione.

Infine gli iscritti del PD dovrebbero votare se accettare o meno quelle proposte. Non coinvolgere gli Iscritti PD nella decisone finale sarebbe un grave errore della nostra dirigenza.

Caro Pif, cara Susy: cosa ne pensate?

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?