Seguici su: FacebookTwitter

altanContinua il ciclo di Novaluna “Ripensiamoci”, un’indagine-riflessione su forme e contenuti di comunicazione nell’epoca della post verità. Stavolta (lunedì 11 gennaio al Binario 7 di Monza) è stato il turno della satira e del teatro, per i quali relatori d’eccezione erano Francesco Tullio Altan, fumettista, vignettista e autore satirico, ed Elio De Capitani, attore e regista teatrale e cinematografico. Intervistati per l’occasione da Antonio Cornacchia, direttore di Vorrei.

Colpiscono (e un po’ distraggono) le vignette di Altan che vengono proiettate durante le interviste. Ma confermano le sue affermazioni su quelle che debbono essere le caratteristiche della satira: sintesi e immediatezza. Ne è esempio lampante la vignetta inserita nel manifesto che pubblicizza la serata.

Continua a leggere su Vorrei.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?