Seguici su: FacebookTwitter

SWGSono passati 15 giorni dalle elezioni europee e sembra un vita fa. Superate euforie o disorientamenti dentro il nostro partito, è questo il tempo delle analisi, delle domande e delle indicazioni, dopo un risultato che ha dell’incredibile e che mette d’accordo tutti su una cosa: non era previsto da nessuno.

Vinciamo no1 copy copyEra quasi inevitabile. Dopo la sconfitta elettorale del M5S alle elezioni europee di domenica – o della “non vittoria”, come pare averla ribattezzata Grillo dopo un primo momento di onesto riconoscimento dell’arretramento – la rete, quella stessa rete tanto osannata e mitizzata dallo stesso Grillo, e da Casaleggio & Co. – non ha tardato a prendersi la sua rivincita.

riforma senatoLa riforma del Senato promossa dal governo ha certamente molti pregi a dispetto delle critiche, talvolta molto aspre, ricevute in questi mesi. Come sovente ribadito, alla luce dei punti deboli che sono emersi dal secondo dopoguerra ai giorni nostri, è certamente auspicabile che le istituzioni repubblicane siano finalmente modificate per renderle più efficienti. Su questa esigenza di rinnovamento vi è certamente ampia concordanza.

Mediano e centravantiLa fatica del mediano è stata cantata da Ligabue e presa a simbolo della società di mezzo da diversi opinionisti, tra cui il brillante direttore della Camera di commercio di Monza e Brianza Renato Mattioni che ne ha recentemente scritto sul Corriere della sera. Mi unisco al gruppo, nella settimana post-derby, rendendo onore a De Jong, autore del gol e di un recupero decisivi.

Parco SopraelevateMartedì 6 maggio 2014 il Consiglio Regionale ha approvato la Mozione n.120 dal titolo “Museo e sopraelevate Autodromo di Monza”, presentata dalla Lega Nord, che impegna il Presidente e la Giunta Regionale “a intraprendere adeguate iniziative allo scopo di attivare gli enti competenti per dotare l’Autodromo di un luogo museale collegato alle sopraelevate dell’Autodromo di Monza”.

Palazzo MadamaNel progetto di riforma del Senato proposto dal Governo ci sono diverse cose che possono essere modificate. Ad esempio il numero di deputati e senatori, la nomina da parte del Presidente della Repubblica di ventuno personaggi illustri, e soprattutto i modi di rappresentanza nel Senato di regioni e comuni.

decreto irpefPubblichiamo di seguito un articolo di analisi apparso su Huffington Post a firma del vicedirettore Gianni Del Vecchio in ordine ai provvedimenti licenziati la scorsa settimana dal Governo Renzi

Da anni Matteo Renzi è perseguitato da un luogo comune duro a morire: "Non è uno di sinistra". Come se per essere di sinistra conti vestirsi in un certomodo, guardare certi film, sentire certe canzoni, frequentare alcuni posti e non altri. Invece essere di sinistra, nella mia opinione, significa prima di tutto avere un'idea della società - e soprattutto della distribuzione della ricchezza al suo interno - che tende a chiudere la forbice fra chi guadagna di più e chi di meno.

 Continua a leggere

Papa FrancescoA un anno e poco più dall’elezione di Papa Francesco il mondo sembra cambiato, la speranza sembra rinata e l’emancipazione degli ultimi sembra non essere più un'utopia. A noi credenti sembra di ritrovare la chiesa che forse avevamo disperato di ritrovare, per i non credenti parole che mettono in dubbio le loro certezze di poter fare a meno di un Dio.

SenatoIl principio che dovrebbe ispirare il partito democratico nell'adottare riforme costituzionali e leggi elettorali dovrebbe essere quello di bilanciare innovazioni che comportino una certa perdita di qualità democratica dell'ordinamento con altre che, per altri aspetti, costituiscano un incremento della democrazia.

MontecitorioConoscere per discutere e giudicare. E’ questo l’intento che mi prefiggo nel sintetizzare di seguito i tre Disegni di Legge (Governo Renzi, Vannino Chiti, Civati-Pertici), in tema di riforma del Senato, perché in tutti e tre i DDL, di riforma si tratta, non di abolizione, come erroneamente si sente spesso dire.

Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?