Seguici su: FacebookTwitter

Scritto da Andrea Campora

Lo scorso 26 Maggio si è riunito il coordinamento del circolo 6 del PD di Monza per discutere sulle iniziative previste nelle prossime settimane e per ascoltare le relazione di Maria Giovanna Porro sulla Assemblea Nazionale appena conclusa.

Sono stati divisi gli incarichi organizzativi per l'iniziativa "Il parco e la villa che vogliamo" che si terrà il 28 e 29 maggio. L'iniziativa prevede una conferenza stampa presso il cortile della villa alle ore 17 di venerdì in cui verranno esposte le posizioni del PD, seguita alle ore 18 da una visita guidata della villa. Sarà un'occasione per i monzesi di conoscere meglio un pezzo importante del patrimonio cittadino. Sabato 28 pomeriggio dalle 14.30 alle 18.30, in viale Cavriga, (porta Monza),    sarà presente un gazebo del circolo 6 per offrire torte salatini e per far conoscere ai cittadini le nostre posizioni sulla villa e parco.

La newsletter della circoscrizione 5 - N.45 - 25 Maggio 2010

Riunione del consiglio della circoscrizione 5Newsletter_circoscrizione_5

Si comincia male. La Commissione Viabilità non ha pronti i verbali dell'ultima riunione sui problemi delle vie Wagner, Giusti, Monte Palanzone; la discussione viene perciò rimandata al successivo consiglio, con disappunto dei cittadini interessati che hanno appositamente presenziato alla nostra seduta. 
Salta fuori per la prima volta una lettera, vecchia di oltre un anno, della Segreteria Generale del Comune, e mai comunicata al consiglio, che precisa quali siano le procedure da seguire in caso di sponsorizzazioni esterne. Ed è immediata la constatazione che né i coordinatori di commissione, né la presidenza hanno mai seguito questa procedura, benché notificata, appunto, da oltre un anno.

Il giorno 18 maggio 2010 il Circolo 4 si è incontrato con Roberto Scanagatti e Pino Riva che hanno illustrato il Piano di Lottizzazione relativo a Via Valsugana approvato in commissione. Il piano in questione andrà in votazione in Consiglio Comunale orientativamente il 3 o il 7 giugno prossimi.

 

Non è vero (come affermato dalla maggioranza) che questo PL è frutto del PGT Faglia-Viganò: il PGT originario prevedeva un unico Ambito (n.13) sia per quest’area che per l’area confinante destinata a realizzare il “parco della gallarana” (come ben riportato mesi fa dal Cittadino, con le tavole sui vari ambiti) e la strada di collegamento con sbocco su via gallarana (interventi a servizio del quartiere); la giunta Mariani invece ha accolto l’osservazione (n. 100) presentata dal Policlinico per la realizzazione del polo sanitario (in pratica per l’ampliamento della struttura sanitaria privata !) e ciò ha portato a separare in due l’Ambito del PL. Questo porta ad avere un PL solo a vantaggio di chi lo realizzerà e ci abiterà, ma escludendo i servizi veri per il quartiere (il parco/area verde è fuori ambito, quindi escluso; ma soprattutto – CLAMOROSO – la strada di sbocco su via Gallarana … si ferma 50 metri prima, perché il restante pezzo di terreno è sulla proprietà del Policlinico, ed hanno previsto una rotatoria di inversione di marcia. Quindi ciò che serve realmente al quartiere non viene fatto !

Premesso che già in più di un Consiglio dello scorso anno avevo verbalmente avanzato la richiesta in oggetto, sulla quale il Presidente mi aveva risposto che non era necessario presentare formale richiesta poichè già prevista (es. giugno 2008,come emendamento ad una Mozione della Lega Nord)

Considerato che tale richiesta verbale non ha sortito alcun risultato ma che nel frattempo sono comparsi un numero esorbitante di cartelloni comunale per affissioni pubblicitarie

Mi domando perchè per la pubblicità commerciale si riempie la città di cartelloni che certamente non arredano e non sono di utilità pubblica ma deturpano il territorio e, invece, per la pubblicità e l’informazione utile ai cittadini sulle attività del decentramento, non si è altrettanto solerti.

Pertanto, con l’obiettivo di aumentare l’informazione ai cittadini sulle attività della Circoscrizione, secondo lo spirito più autentico del Decentramento,

CHIEDO

che venga ripresa in considerazione la richiesta già avanzata dal Consiglio uscente a fine mandato (gli atti sono depositati) e riproposta verbalmente dal sottoscritto già l’anno scorso, per l’installazione di almeno 4 nuove bacheche circoscrizionali nella zona sud del quartiere Libertà dove mancano completamente.

Propongo i seguenti punti per l’installazione, già segnalati a suo tempo all’ufficio Decentramento (e per le quali esiteva già un ordine esecutivo a maggio 2007):

1) in Via Gadda

2) in Via Bertacchi (davanti all’edicola)

3) in Via della Guerrina (zona Scuola Magistrale),

4) in Viale Libertà (zona Farmacia com. / Molino San Michele / Einstein)

 Ovviamente, se si volesse cogliere l’occasione di questa Mozione per aggiungere altre richieste di punti di affissione circoscrizionale, sono ben disponibile ad integrare la Mozione, purchè sia fatto rapidamente.

Emendamento alla delibera “Alberi di Natale per i quartieri”

Riteniamo che,

• in questo momento di grave crisi economica, spendere del denaro pubblico per gli alberi di Natale sia una cosa del tutto superflua e un’esigenza non prioritaria, rispetto a tante altre più essenziali, quando molte famiglie attraversano difficoltà molto serie

• celebrare la festività natalizia, che dovrebbe essere simbolo non di spreco ma di condivisione e fratellanza, debba essere fatto non basandosi sull’esteriorità e sull’effimero ma dimostrando concreta vicinanza alle persone più deboli

Per questo

PROPONIAMO

che l’importo di 1.600 €, corrispondente all’acquisto e addobbo degli alberi di Natale, venga utilizzato per l’acquisto di pacchi alimentari da offrire alle famiglie più bisognose, appoggiandoci eventualmente ad associazioni come la Caritas e la San Vincenzo o ai frati francescani della Madonna delle Grazie.

Un anno fa venivano installati due semafori per l’attraversamento pedonale sul Viale Libertà, all’altezza dell’Istituto Mapelli e della fermata autobus (l’attraversamento pedonale in sicurezza fu opera richiesta dai gruppi PD e CP fin dai primi mesi in questo Consiglio).

Dopo 1 anno i semafori non sono ancora entrati in funzione (vedi foto). L’Assessore Mangone dichiarò che ciò dipendeva dall’Enel, che aveva tempo ben 180 gg … (un tempo comunque spropositato). In realtà, l’Assessore alla Viabilità e il dirigente dell’Ufficio Viabilità (impegnati a togliere i semafori nella definizione del Piano Particolareggiato di viale Libertà), nulla sapevano di questo nuovo semaforo.

Sul Giornale di Monza del 4 maggio u.s. è apparso un articolo dal titolo “Rivoluzione viabilistica, nuovo accesso in Via Durini”, e analogo articolo anche sul Cittadino della stessa settimana, nei quali si legge dell’apertura di un nuovo accesso in Via Durini dalla rotonda di Via Azzone Visconti – progetto presentato dall’Assessore alle Opere Pubbliche – per la cui realizzazione verrebbe eliminata la pista ciclabile esterna e spostata la zona del nuovo chiosco con i tavolini (su cui questo Consigli si è recentemente espresso con un suo parere favorevole all’installazione in quel punto).

 

Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?