Seguici su: FacebookTwitter

scheda elettorale 2018La legge elettorale prevede l'elezione di circa un terzo dei deputati e dei senatori attraverso collegi uninominali e i restanti due terzi con metodo proporzionale e collegi plurinominali. Nei collegi uninominali viene eletto chi prende più voti. Per quanto riguarda le assegnazioni proporzionali faranno fede i listini bloccati, che potranno avere dai 2 ai 4 nomi per lista.

bertola regionaliII Partito Democratico candida al Senato Cherubina Bertola, ex vicesindaco di Monza il cui lavoro nell'amministrazione Scanagatti è stato prezioso per l'intera comunità. Bertola ha espresso le emozioni della vigilia su Facebook, con un post che ben descirve il suo stato d'animo.

giorgio gori programmaIl prossimo 4 marzo avranno luogo anche le elezioni regionali lombarde. Il numero di consiglieri è fissato a 80 compreso il Presidente della Regione. È eletto Presidente della Regione il candidato che ottiene il maggior numero di voti validi sul territorio regionale. Gli altri 79 consiglieri sono eletti con criterio proporzionale sulla base di liste provinciali concorrenti; un seggio è riservato al miglior perdente tra i candidati alla presidenza.

scheda elettorale 2018Con la nuova legge elettorale, il Rosatellum, i candidati concorrono con un sistema misto, ovvero da una parte l'assegnazione di 232 seggi alla Camera e 116 al Senato in collegi uninominali, in cui le coalizioni o i partiti candidano una sola persona e il candidato più votato viene eletto e dall'altra l'assegnazione dei seggi delle circoscrizioni territoriali, 386 per la Camera e 193 per il Senato, con metodo proporzionale in collegi plurinominali nei quali i seggi vengono divisi in proporzione ai voti presi dalle coalizioni o dai partiti.

gori sloganIl programma di Giogio Gori è online. Lo potete consultare qui: www.giorgiogori2018.it/programma. È in bozza perché c'è tempo fino al 12 febbraio per inviare suggerimenti di integrazione o di modifica, che verranno letti con attenzione e, se del caso, recepiti. Inviateli alla mail . “Io – scrive Giorgio Gori – nel frattempo ringrazio di cuore tutti coloro che hanno dato il loro contributo, in tutto il territorio. E il miglior ringraziamento per il loro impegno nel formulare proposte è il mio impegno nel realizzarle dopo il 4 marzo”.

donne monza gori“Vaccinazioni: Luci, ombre e abbagli" è il titolo del primo evento pubblico organizzato dal nuovo Comitato “Donne di Monza per Gori”, tenuto dalla dottoressa Giuseppina Meregalli, Pediatra e Membro Commissione Vaccini Asl di Monza e moderato da Marco Pirola, Direttore Nuova Brianza.

scanagattiRoberto Scanagatti si candida al consiglio regionale della Lombardia. A renderlo noto è lo stesso ex sindaco di Monza. “Ho deciso di accettare la candidatura per il consiglio regionale nella lista del Pd a sostegno di Giorgio Gori. Le ragioni sono presto dette. Voglio dare il mio contributo per cambiare il governo della Lombardia e rappresentare al meglio il territorio di Monza e della Brianza. Dopo 25 anni di centrodestra, la Regione più importante d'Italia merita molto di più”.

ex macelloNell'area ex Macello, la nuova Amministrazione Allevi manda avanti il progetto del polo scolastico Citterio Bellani. Progetto nato da un'intuizione della amministrazione Scanagatti. Il plesso scolastico monzese sarà realizzato sull’area oggi dismessa di via Procaccini. “È una scelta molto positiva”, commenta Claudio Colombo, assessore alle Politiche del territorio della giunta Scanagatti.

gori cartolineSono disponibili le cartoline elettorali del candidato del centrosinistra alle prossime elezioni regionali lombarde, Giorgio Gori. Sul sito web di Gori è possibile visualizzare le cartoline stampabili e diffonderle sui social, sui propri canali web oppure stamparle per farle circolare offline. 

gori sloganSono 39 i giorni che ci separano dal 4 marzo. 39 giorni per convincere i nostri amici, i nostri conoscenti che cambiare in Lombardia è possibile, che occorre #FareMeglio. Nei giorni scorsi il Presidente Mattarella ha rivolto un appello agli italiani perché il 4 marzo non restino a guardare, ma si rechino alle urne. La stessa cosa dobbiamo fare noi in Lombardia, parlando con tutti - in particolare con gli indecisi e i disaffezionati: votare, votare, votare. E possiamo dare ottimi motivi per farlo.

Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?